Evidenza
Addio alla ricetta rossa, arriva il promemoria
leggi la news

Solo 4 bimbi su 10 viaggiano sul seggiolino: un incontro per imparare a sceglierlo e usarlo
leggi la news

Assistenza pediatrica nei fine settimana: una precisazione
leggi la news

Campagna di vaccinazione e sensibilizzazione dei soggetti di 65 anni per la prevenzione delle malattie batteriche invasive da pneumococco.
leggi la news

Ti trovi qui: Homepage / Archivio News / Dettaglio News
News del 26/01/2012
Superati per la prima volta i 1.000 parti a Monselice

Premiato l'impegno dell'Azienda ULSS 17 nei confronti delle gestanti, concretizzatosi nelle nuove sale parto, nell'acquisto di nuovi ecografi all'avanguardia e nell'offerta gratuita del parto indolore

Sono oltre mille i neonati che nel 2011 hanno visto la luce all'ospedale di Monselice. Un numero ragguardevole, che testimonia i progressi compiuti dall'Unità Operativa Complessa di Ostetricia-Ginecologia. Il trend di crescita è quindi evidente e significativo, e premia i notevoli sforzi organizzativi ed economici compiuti dall'Azienda ULSS 17 per offrire alle gestanti strutture e servizi all'altezza dei migliori standard. Esattamente un anno fa venivano inaugurate a Monselice due nuove sale parto, dotate di attrezzature mediche all’avanguardia e di tanti accorgimenti utili per garantire alle partorienti il massimo del comfort e della tranquillità in un momento così delicato. Ecco allora la possibilità di compiere il travaglio non “bloccate”, ma cambiando posizione, grazie ad un letto speciale che consente una grande libertà di movimento mantenendo comunque un monitoraggio costante della donna e del feto, oppure in una speciale poltrona, o ancora in acqua. E parallelamente, di particolare rilievo - in quanto presente in pochissimi ospedali pubblici del Veneto e non solo - è la possibilità di usufruire gratuitamente del parto indolore, che garantisce non solo un parto meno disagevole, ma è importante anche al fine di tranquillizzare la donna e quindi di incentivare il parto naturale rispetto al cesareo, che rappresenta pur sempre un intervento chirurgico con possibili complicazioni. Più recente è poi l'acquisizione di tre nuovi ecografi di ultima generazione, frutto di un investimento complessivo di 200 mila euro, tra i quali un'apparecchiatura di altissima gamma con scansione 3D, uno strumento all'avanguardia per lo studio della morfologia del cuore fetale e per la diagnosi sempre più accurata di eventuali malformazioni.
«Sicuramente questo risultato - sottolinea il dott. Paolo Lucio Tumaini, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Ostetrica e Ginecologia - premia gli sforzi compiuti dall'Azienda per migliorare gli standard di qualità del servizio offerto, ma voglio sottolineare come queste nuove acquisizioni siano state valorizzate al meglio anche dalla presenza di uno staff medico e infermieristico assolutamente competente e sensibile alle esigenze delle gestanti. Siamo consapevoli infatti che queste ultime si appoggiano a noi per seguire un percorso carico di gioia e di emozioni, ma che inevitabilmente porta con sé anche qualche piccola ansia».
Proprio al concetto di "percorso" l'Azienda ULSS 17 dedica una particolare attenzione: «Siamo impegnati - sottolinea il Direttore Generale Giovanni Pavesi - nell'offrire un'assistenza completa durante la gravidanza, cercando per quanto possibile di fornire i servizi di primo livello direttamente sul territorio, senza la necessità quindi di recarsi sempre in ospedale. Così la nostra assistenza inizia fin dai primi giorni, con l'attività dei consultori distrettuali, e prosegue con le visite e le ecografie ambulatoriali a Este, Monselice, Conselve e Montagnana, fino al travaglio vero e proprio, alle quali le donne della Bassa Padovana possono arrivare preparate e rasserenate per le conoscenze acquisite durante i corsi pre-parto organizzati dallo staff di Ostetricia».
Parallelamente, il 2011 ha visto anche un altro importante risultato per l'Unità Operativa Complessa di Ostetricia-Ginecologia: negli ultimi 12 mesi infatti i ricoveri per interventi sono stati 400 in più. «Questo dato - sottolinea il dott. Paolo Lucio Tumaini - rappresenta il riconoscimento delle competenze del nostro staff negli interventi in laparoscopia, che ormai rappresentano il 75% di tutti gli interventi non ostetrici che eseguiamo, considerati come complessi per tipo di patologia, contro una media regionale che supera di poco il 50%». Tempi di degenza ridotti del 30%, una ripresa post intervento più rapida e minori rischi di complicanze sono tra i principali vantaggi di questa metodica, nella quale lo staff di Ostetricia-Ginecologia dell'ospedale di Monselice è un punto di riferimento, al punto da avere organizzato anche recentemente due seminari che hanno richiamato specialisti da tutto il Veneto.


ultimo aggiornamento: 26-1-2012